Aulss 9 Scaligera, al via la vaccinazione antinfluenzale

Nel corso di una conferenza stampa svoltasi nella mattinata di oggi, l’Aulss 9 Scaligera ha comunicato che è possibile effettuare la vaccinazione antinfluenzale, somministrata dai medici di medicina generale ai soggetti appartenenti ai gruppi a rischio, agli ultrasessantacinquenni e alle categorie per le quali la vaccinazione è raccomandata e offerta gratuitamente (secondo le indicazioni fornite dal Ministero della Salute con la Circolare del 4 giugno 2020). Le persone comprese nella categorie a rischio sono quelle affette da alcune patologie per le quali contrarre l’influenza comporta un alto rischio di complicanze anche gravi.

La vaccinazione è offerta gratuitamente, tra gli altri, ai soggetti di età pari o superiore a 65 anni e, da quest’anno, anche agli adulti dai 60 ai 64 anni, alle donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino in gravidanza e nel periodo di “post-partum”; ai familiari e contatti di soggetti ad alto rischio, a medici e personale sanitario di assistenza, a soggetti addetti ai servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori e al personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani; donatori di sangue. Un’altra novità importante è l’offerta attiva e gratuita della vaccinazione antinfluenzale ai bambini dai 6 mesi ai 6 anni di età, che prevede un accordo di collaborazione dell’Aulss 9 con i pediatri di libera scelta.

Come gli anni scorsi, previo appuntamento telefonico, gli operatori sanitari degli ambulatori vaccinali presso le sedi dei Distretti 1-2, 3 e 4 saranno disponibili a vaccinare gli adulti (che per motivi vari non hanno effettuato la vaccinazione presso il loro medico di medicina generale) a partire dalla fine di novembre 2020, con modalità che saranno rese note nel sito aziendale.

Sedi e recapiti dell’Aulss 9 nel Basso veronese per la vaccinazione

Visto che non è esclusa una co-circolazione di virus influenzali e Sars-Cov-2, è importante – sottolinea l’Aulss 9 – ribadire l’importanza della vaccinazione antinfluenzale, in particolare in soggetti ad alto rischio di tutte le età, per semplificare la diagnosi e la gestione dei casi sospetti, dati i sintomi simili tra Covid-19 e influenza.

Nella Regione Veneto, per l’intera stagione influenzale 2019-2020, si stima che circa 423.700 soggetti abbiano contratto un virus influenzale, per un’incidenza cumulativa stimata di circa 86,4 casi ogni 1.000 abitanti. Durante la campagna di vaccinazione contro l’influenza stagionale sono state vaccinate complessivamente 798.829 persone, dato superiore alle ultime otto stagioni (circa 15.000 vaccinazioni in più rispetto la stagione precedente). Delle persone vaccinate nel corso della stagione 2019-2020 la maggior parte – 604.591 soggetti pari al 75,7% del totale – erano anziani di età pari o superiore ai 65 anni; dato in lieve calo rispetto alle stagioni precedenti.

L’Aulss 9 ricorda che, per ridurre la trasmissione del virus dell’influenza, oltre alla vaccinazione, sono altrettanto importanti alcune misure di prevenzione, tra cui lavare spesso le mani e coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce utilizzando preferibilmente fazzoletti monouso) e indossare la mascherina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *