Alex Fusaro pubblica il videoclip del pezzo “Dipende da noi”, un invito alla speranza per tutti gli studenti

Il “prof” è stato di parola. Alessandro Augusto Fusaro, in arte Alex Fusaro, è assurto agli onori della cronaca per essere riuscito a prendere parte per ben due volte allo “Zecchino d’Oro”; nel 2018 con “La banda della pastasciutta”, mentre quest’anno ad essere selezionato dalla giuria è stato il brano “Cha Cha Cha del Gatto nella scatola” (realizzato, come nell’occasione precedente, assieme a Davide Capotorto). Fusaro – che ha conseguito sei lauree al Conservatorio, e che attualmente insegna all’istituto “Giuseppe Medici” di Legnago – non ha mai fatto mistero di voler coltivare il sogno di affermarsi anche come solista realizzando musica pop.

Come aveva anticipato nei mesi scorsi, ieri è uscito il videoclip della sua canzone dal titolo “Dipende da noi”, che era stata presentata a Roma nella sede del Senato della Repubblica Italiana, nell’ambito di un progetto il cui obiettivo è la sensibilizzazione dei ragazzi sull’importanza della salvaguardia dell’ambiente.

Alex Fusaro a Palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica Italiana

«L’invito in Senato in qualità di docente è stato per me un onore», confida Fusaro, «Il video sarebbe dovuto uscire in primavera ma, alla luce dell’emergenza Covid, abbiamo preferito posticiparlo». «Le immagini, viste ora, assumono ancora più valore e significato, perché nel video, i miei studenti appaiano in classe, seduti uno accanto all’altro sui loro banchi, e in palestra mentre cantano tutti assieme. Oggi, purtroppo, scene del genere sono solo un miraggio», spiega.

«Ho voluto pubblicarlo anche per infondere speranza e fiducia a tutti gli studenti, in questo difficile momento di restrizioni e distanziamento sociale. A scuola la situazione non è facile, tutto il personale che lavora all’interno degli istituti sta facendo il possibile per ridurre il disagio vissuto dai ragazzi. Personalmente cerco di fare ciò anche attraverso le mie canzoni», conclude Fusaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *